SpaceX

L’America ha riportato l’uomo nello spazio 9 anni dopo l’ultima volta. Lancio perfetto per Crew Dragon, la capsula della SpaceX. Il veicolo spaziale è partito dal Kennedy Space Center di Cape Canaveral alle 21.22 italiane in punto.

Il lancio della SpaceX

Tutto perfetto per il lancio della SpaceX di Elon Musk e Nasa. Si tratta dell’ingresso definitivo di privati nello spazio. Nonostante le condizioni meteo non ottimali, è partita la navicella con a bordo i veterani della Nasa Doug Hurley (54 anni) e Bob Behnken (50).

Poco dopo è rientrato sulla Terra il primo stadio del razzo Falcon 9, posandosi regolarmente in verticale sulla piattaforma Asds come da previsioni. E adesso potrà essere riutilizzato, riducendo quindi molto i costi.

L’euforia dell’ottima riuscita del lancio è stata resa nota anche dalla Nasa.

Abbiamo fatto la storia

E’ stato questo il messaggio twittato dalla Nasa. 

Il progetto

La missione è chiamata Demo2. Rappresenta il secondo test della capsula Crew Dragon, che nel marzo 2019 aveva fatto il primo volo di prova senza equipaggio. In quell’occasione aveva portato a bordo oltre 180 chilogrammi di materiali e rifornimenti e solo un manichino, Ripley.

Dopo il lancio, il prossimo step della missione prevede l’arrivo dopo circa 20 ore presso la Stazione Spaziale. Domani alle 16.27 è attesa la manovra di aggancio. Alle 18,45, invece, è prevista l’apertura del portello. Qui ad attendere Hurley e Behnken ci saranno l’americano Chris Cassidy e i russi Anatoli Ivanishin e Ivan Vagner.

New York Times dedica la prima pagina alle vittime da Coronavirus

Le reazioni

Per comprendere l’importanza dell’evento, basta tenere presente che al lancio erano presenti anche il presidente Donald Trump e il vicepresidente Mike Pence, entrambi senza mascherina.

E’ incredibile. Non é che l’inizio. Dei veri geni, nessuno lo fa come noi. Le imprese americane nello spazio saranno una delle cose più importanti che abbiamo mai fatto.

Sono questi i primi commenti fatti da Donald Trump.