Gigi Simoni

E’ morto il mister Gigi Simoni. Lutto nel mondo del calcio che perde un altro personaggio molto stimato nell’ambiente. L’allenatore se ne va all’età di 81 anni.

La salute di Gigi Simoni

Il mister era stato colpito da un ictus il 22 giugno dello scorso anno mentre si trovava nella sua abitazione di San Piero a Grado, (Pisa). In quel momento è iniziato il suo calvario che l’ha visto lottare per tutti questi mesi. A marzo, visto l’insorgere del Coronavirus, era stato riportato a casa dalla clinica che l’aveva in cura per ragioni di sicurezza.

Purtroppo nelle ultime ore le sue condizioni sono peggiorate. Si è reso necessario il ricovero all’ospedale di Pisa. Per lui non c’è stato nulla da fare  dove è arrivato ieri senza più speranze di riprendersi. Accanto a lui fino all’ultimo, come sempre, la moglie Monica.

La carriera

La carriera di mister Gigi Simoni si è protratta per più di 30 anni. Oltre naturalmente alla storia da calciatore. 17 i club che ha guidato durante la sua avventura da tecnico. Famoso, e triste, la stagione 1997-98 quando, alla guida dell’Inter, ha perso lo scudetto delle polemiche contro la Juventus. Si tratta del famoso contatto in area tra Iuliano e Ronaldo non sanzionato col rigore.

Nel 1998, però, arrivò per il tecnico la conquista della Coppa Uefa, sempre sulla panchina nero-azzurra. Un successo che valse al tecnico la soddisfazione personale della Panchina d’oro. Molto famosa la sua storia da allenatore alla guida della Cremonese. Riuscì a fare arrive la squadra in Serie A.

Rimane il recordman di promozioni dalla Serie B alla A: ben 7 (più una dalla B alla C come direttore tecnico). Da giocatore vinse una Coppa Italia nel ’62 col Napoli.