MondoBlu by Megghy.com
Totó Riina é morto

Totó Riina é morto

Il boss Totò Riina é morto questa mattina. 

Il capo di Cosa Nostra ha emesso l'ultimo respiro alle ore 3.37. Aveva appena compiuto 87 anni e si trovava ricoverato presso il reparto detenuti dell'ospedale di Parma
Riina era stato operato due volte nelle scorse settimane. Dopo l'ultimo intervento, peró, era era entrato in coma. Fino alla sua morte. Ieri, nel giorno del suo 87esimo compleanno, il figlio Giuseppe Salvatore, che ha scontato una pena di 8 anni per mafia, ha pubblicato un post di auguri su FB per il padre. Riina stava scontando 26 condanne all'ergastolo per decine di omicidi e stragi tra le quali quella di viale Lazio, gli attentati del '92 in cui persero la vita Falcone e Borsellino e quelli del '93, nel Continente.

Totó Riina mai pentito

Totó Riina porta nella tomba tanti segreti sui quali ancora gli inquirenti stanno cercando di fare luce. Negli anni gli investigatori hanno cercato di carpire dal famoso detenuto qualche informazione circa molti lati oscuri della Storia Italia. In particolare il rapporto Stato - Mafia. Tuttavia, non hai mai avuto un cenno di pentimento, irredimibile fino alla fine. Soltanto tre anni fa aveva dichiarato qualcosa nel corso dell'ora d'aria mentre parlava con un altro detenuto. Riina si vantava dell'omicidio di Falcone e continuava a minacciare di morte i magistrati. Inoltre, a febbraio scorso, parlando con la moglie in carcere diceva: "sono sempre Totò Riina, farei anche 3.000 anni di carcere".  L'ultimo processo a suo carico, ancora in corso, era quello sulla cosiddetta trattativa Stato-mafia, in cui è imputato di minaccia a Corpo politico dello Stato. 

Capo Cosa Nostra

Totó Riina era ancora considerato dagli inquirenti il capo di Cosa Nostra. Nonostante la detenzione al 41 bis da 24 anni, e la malattia che lo perseguitava da anni. Negli ultimi tempi le sue condizioni erano peggiorate tanto da indurre i legali a chiedere un differimento di pena per motivi di salute. Questa richiesta aveva suscitato un grande polverone nell'opinione pubblica e soprattutto presso i familiari delle persone morte per mano dello stesso. Il tribunale di Sorveglianza di Bologna per fortuna aveva respinto la richiesta nel mese di luglio. 

Sul punto di morte, con Riina ormai spacciato, era stato concesso un incontro straordinario ai familiari. La concessione é stata donata dal ministro della Giustizia. 

Scritto da Francescoiriti il 17 Novembre alle 10:00
 
Commenta articolo
Nessun Commento presente
Commento
Titolo Commento
Testo commento
Articoli top della categoria
Delitto di via Poma: Vanacore si... A pochi giorni dalla riapertura del caso di Simonetta Cesaroni, un' altra "vittima" si aggiunge al giallo ancora irrisol.. leggi tutto
Continuano gli stupri su ragazze... Violentata per strada, mentre aspettava gli amici. E' successo nei giorni scorsi alla periferia di Bologna. La vittima &.. leggi tutto
 
Statistiche
  • 19 Categorie
  • 2051 Articoli Totali
  • 2804702 Pagine Viste
  • 1 Utenti Online