MondoBlu by Megghy.com
Moda americana: il brutto cugino dello stile Europeo?

Moda americana: il brutto cugino dello stile Europeo?

Quello della moda è un settore molto particolare oltre che difficile da categorizzare. Quando, poi, si parla di moda americana tutto si complica ancor di più. La moda americana, infatti, a differenza di quella francese o, addirittura, italiana, punta molto sulla comodità e sulla versatilità degli abiti. Niente eleganza né stile per gli abiti made in USA, dunque? Niente affatto. Anche se, ammettiamolo, quella degli Stati Uniti è una moda molto diversa da quella europea. Ma vediamo qualche esempio per chiarire meglio tale concetto.Ralph Lauren ha dato forma ad uno stile casual e molto attento ai tessuti ed alla comodità degli abiti. La donna dell'immaginario di Ralph Lauren è dedita al lavoro ed alla bella vita, non perde occasione per trascorrere una vacanza in montagna ma non disdegna neanche un aperitivo in città o, magari, una gita fuori porta dell'ultimo momento.

L'out-fit, quindi, deve essere chic ma non troppo impegnativo, versatile ma non banale. Quello di Ralph Lauren è uno stile elegante e particolarmente accattivante che, senza alcun dubbio, sfata il mito della superiorità dello stile europeo su quello americano. È vero, talvolta gli americani esagerano e peccano di 'banalità', ma non è questo il caso di Ralph Lauren. Sulla falsa riga di Ralph Lauren troviamo anche Calvin Klein che, però, deve la sua fortuna alle linee classiche dei jeans che hanno fatto la storia delle donne americane. Ad onor del vero, è necessario fare presente che quella moda tutta statunitense dei jeans è stata esportata nel mondo anche se, in alcuni casi, ha subito alcune modifiche radicali finalizzate a renderla addirittura elegante. Inoltre, proprio Calvin Klein ha puntato molto anche sulla biancheria intima e pare aver decisamente fatto una scelta azzeccata. Lo stile di Calvin Klein è molto copiato ed al suo attivo ci sono collezioni che possono far invidia ad ogni stilista d'Europa. 

Oggi, però, tutto sembra essere cambiato. Che la globalizzazione abbia 'travolto' anche il settore della moda? A quanto pare, sembra proprio di sì. Passeggiando per le vie di Parigi, ad esempio, si possono incontrare donne vestite – più o meno – come le newyorkesi moderne. Il mondo è diventato davvero molto piccolo e la moda sta dettando le proprie leggi anche oltre confine. Un esempio? Rodarde e Proenza Schouler sono stilisti americani che fanno una moda decisamente differente dallo stile statunitense conosciuto fino ad oggi. Se non si sapesse che sono americani si farebbe addirittura fatica a non collocarli in Europa. La moda americana, quindi, è brutta rispetto a quella europea? Dipende tutto dagli stilisti. Lo stereotipo della moda americana 'comoda ma non bella' non regge più: il segreto è nel talento di chi crea, anche al di là dell'oceano.
Scritto da Giacomo il 27 Dicembre 2015 alle 17:46
 
Commenta articolo
Nessun Commento presente
Commento
Titolo Commento
Testo commento
Articoli top della categoria
Baby modelle Nonostante il divieto della Camera della moda a non sfilare sotto i 16 anni, all’estero non rispettano il divieto .. leggi tutto
Il rosso seduce l'uomo L'uomo viene "accalappiato" dal vestito rosso. Il colore della passione e dell'amore accresce il desiderio dell'uomo nei.. leggi tutto
 
Statistiche
  • 19 Categorie
  • 2012 Articoli Totali
  • 2636287 Pagine Viste
  • 1 Utenti Online