MondoBlu by Megghy.com
Classi energetiche per gli elettrodomestici: come scegliere per risparmiare

Classi energetiche per gli elettrodomestici: come scegliere per risparmiare

Scegliere bene gli elettrodomestici per la casa potrebbe considerarsi un vero e proprio investimento. Già, perché i consumi ad essi inerenti possono gravare, e non poco, sul bilancio familiare, senza considerare l\'eventuale impatto ambientale.


Dal frigorifero alla lavastoviglie, passando per la lavatrice e l'asciugabiancheria: ecco come scegliere nel modo migliore i propri elettrodomestici senza doversi spaventare quando arriva la bolletta dell'elettricità. Bisogna ricordare inoltre che è possibile controllare online nei siti dei produttori i prodotti a disposizione con relative caratteristiche e classi energetiche.


I consumi relativi agli elettrodomestici vengono stabiliti notoriamente dalla Classe di Efficienza Energetica, che indubbiamente consiste nel primo parametro da tenere in considerazione. Un esempio? Un frigorifero di classe A+++ consumerà il 50% di energia in meno rispetto ad un modello analogo di classe A. In secondo luogo esistono altri parametri da tenere sott'occhio, andiamo a scoprire quali.

Nel caso in cui stiate per acquistare un frigorifero o un congelatore, è consigliabile privilegiare quelli appartenenti alle classi tropicale o subtropicale, ovvero quei modelli in grado di funzionare al meglio anche nel caso in cui la temperatura esterna superi i 40°. Per i congelatori invece, sono preferibili quelli con 4 stelle, che riescono a raggiungere temperature inferiori ai – 18°.


Discorso differente per lavatrici e asciugabiancheria. Queste vanno selezionate, oltre alla Classe di Efficienza Energetica ovviamente, in base alla rumorosità, al consumo di acqua o nel caso delle asciugatrici in base alla percentuale di acqua presente dopo il ciclo di centrifuga. Anche qui, per un esempio pratico di modelli comparati di asciugabiancheria è possibile visitare la sezione online di uno dei produttori più conosciuti.


Passiamo infine ai televisori e agli schermi del PC. Gli schermi al plasma consumano notevolmente di più rispetto ai modelli LCD (circa tre volte tanto). Stesso discorso per i monitor LCD paragonati a quelli tradizionali a tubo catodico. Diventa molto importante al fine di risparmiare energia ricordarsi di scollegarli o spegnerli completamente quando non vengono utilizzati.

Scritto da Giacomo il 17 Febbraio 2015 alle 11:30
 
Commenta articolo
Nessun Commento presente
Commento
Titolo Commento
Testo commento
Articoli top della categoria
Volunia, il nuovo motore di ricerca... Sta per nascere un nuovo motore di ricerca: Volunia. Si tratta di un progetto tutto italiano creato da Massimo Marchiori.. leggi tutto
Google compra Motorola Google compra Motorola Mobility per 12,5 miliardi di dollari. Le due società hanno annunciato di aver firmato un ac.. leggi tutto
 
Statistiche
  • 19 Categorie
  • 2039 Articoli Totali
  • 2669684 Pagine Viste
  • 1 Utenti Online